Pubblicato il

Graziani Mauro

Nato a Modena il 13 settembre 1947.
Diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Urbino.
Opere monumentali si trovano presso l’Aeroporto “R. Sanzio”, il Palasport “Badiali” e la scuola “A. Moro” di Falconara Marittima (AN); ad Agugliano nel “Palazzo del Comune”.
Presso la sede della Marina Militare di Ancona si trova il busto in memoria di R. Paolucci; nella chiesa “S. Giuseppe Lavoratore” di Serrungarina (PS) è presente tutto l’arredo sacro; “Madonna con Bambino” nella cappella della stazione FS di Pescara.
Busti di Papa Pio IX a Senigallia e Perugia; “Papa Giovanni XXIII” a Fabriano, mentre un “Angelo” monumentale è presente nel cimitero di Posatora ad Ancona. Un monumento a Sandro Pertini si trova a Chiaravalle (AN).
Altre sue opere si trovano in collezioni private all’estero: Austria, Argentina, Canada, Inghilterra, Norvegia e Svizzera e Stati Uniti.
Ha pubblicato “Appunti di grafica” nel 1984 e in molte occasioni il TG3 ha trasmesso servizi sulla sua attività.
Ha inoltre pubblicato i “Bronzi” nel 1992 a cura della Fonderia Artistica “IL GABBIANO”.

Pubblicato il

Peruzzi Cesare

Cesare Peruzzi
( Montelupone 1894 – Recanati 1995) Pittore legato alla cultura della terra di origine, è profondamente affascinato dalla lezione impressionista, negli oltre ottanta anni di attività, approfondisce tutti gli aspetti del colore e della luce.

Cesare Peruzzi esordisce a Roma nel lontano 1915 (ma le sue prime opere impegnative risalgono addirittura al 1911), in occasione della Mostra Internazionale “Secessione”, esponendo insieme a Degas, Cezanne, Renoir, Guidi e Casorati. E’ l’inizio di una carriera ricca di riconoscimenti e molto intensa, scandita da oltre 250 personali.
Il legame di Peruzzi con il suo paese natale (dal 1927 in poi è vissuto a Recanati), è indissolubilmente tracciato dalle sue opere presenti nella cappella dell’Addolorata della Chiesa Collegiata di Montelupone, in cui spicca la presentazione di Gesù al Tempio.
Così il critico d’arte Lucio Del Gobbo ha giudicato la pittura di Peruzzi : “La sua pittura ha radici profonde nell’800 e si mantiene fresca e spontanea come sempre.” Lo interessano gli Impressionisti da quando scopre, giovanissimo, un comune substrato, per una straordinaria concomitanza di sensibilità ai problemi della luce, appunto, e del colore e per un autentico “innamoramento” per un certo tipo di soggetti. Il lavoro continuo e costante lo porta, in ottanta anni di attività a dipingere migliaia di opere. Eppure, la sua voglia di scoprire o di imparare non si è  esaurisce nel tempo: trascorre nello studio ogni momento della giornata, come una lumaca nel proprio guscio ; da mattina a sera con i suoi quadri ; se li riguarda, ci rimugina, e considera con ansia quelli che dovrà realizzare…. L’esercizio artistico lo prende totalmente : parlare di colore e di luce per lui significa parlare di vita, dei desideri e delle ansie dei risvolti più intimi e segreti, significa svelare il senso etico dell’arte ed una visione conseguente di assoluto”.

Peruzzi continua a scegliersi i suoi modelli dove la natura, e quindi l’umanità, è più dolce e poetica, orientandosi ancora con i tempi della luce…. Non è retorico affermare che tante sono le ore della luce e altrettante sono le ore delle pittura di Cesare Peruzzi. L’artista muore centenario nel gennaio del 1995.

La grazia nella pittura
In occasione di mostre significative che prevedessero la stampa di un catalogo, anche nell’ultimo periodo della sua vita, Cesare Peruzzi, quasi con ostinazione, chiedeva che prima di ogni altra illustrazione di sue opere figurassero le due copie che egli aveva dipinto da ragazzo e, poco più tardi, nel periodo dell’Accademia, della cinquecentesca “Madonna del latte” di Antonio da Faenza nella Collegiata di Montelupone. Dietro alle impuntature di un artista spesso si nascondono significati importanti, non rivelati ma profondi, da non tralasciarsi, tuttavia, per una comprensione del carattere e della ricerca stessa dell’artista. Perché Peruzzi teneva tanto al fatto che quelle due opere figurassero prima di ogni altra nei suoi cataloghi? Eppure si trattava di esercitazioni, superate poi da prove ben più impegnative ed originali. Si penserebbe a un semplice desiderio di evocare le origini, e dunque Montelupone come luogo della prima giovinezza: un riferimento soprattutto affettivo. Credo invece che Peruzzi volesse documentare i tempi e i modi di un’altra sua nascita, quella d’artista. In quel luogo ed in quella forma s’era manifestata in lui una vocazione vera, a cui non avrebbe più potuto rinunciare. Tra quei due termini – due paletti che segnavano e demarcavano uno stimolo infantile e poi, a modo di raffronto, uno stato di già consapevole operatività – era iniziata la sua vita d’artista, quella che egli avrebbe sempre considerato la più significativa ed importante per se stesso. E se in ciò volessimo cogliere anche un altro significato, dovremmo far caso al fatto che il suo primo modello non fosse scelto con criterio soltanto visivo, dalla realtà intorno, come sarebbe poi normalmente avvenuto nel seguito della sua ricerca, ma in un’opera del passato, e dunque un modello da ritenersi in qualche modo “storico”, emblematico di una tradizione culturale e di storia. Una mostra a Montelupone, luogo di nascita anagrafica, ma soprattutto riferimento non trascurabile della sua nascita all’arte, credo che oggi, a cinque anni esatti dalla scomparsa di Cesare Peruzzi, debba far riflettere sul suo atteggiamento anche ideologico riguardo all’arte, o quantomeno indicare questa possibilità, di aprire un discorso critico, al di là dell’immagine e dell’affezione che l’opera ha creato in un pubblico indubbiamente numeroso, specie nelle Marche. La pacatezza, l’operosità appartata, un atteggiamento intimistico dell’artista, e soprattutto l’orientamento di molta critica a rilevare quasi esclusivamente la grazia di alcuni soggetti prediletti e ricorrenti, hanno ingenerato l’impressione di un disimpegno teorico o di militanza intellettuale, e, forse, di isolamento e di estraneità rispetto al contesto artistico contemporaneo e alle esigenze anche pratiche della vita. Ed invece Peruzzi è stato un artista attento e consapevole anche sotto questo profilo. Ce lo dicono, oltre tutto, numerose sue dichiarazioni, che chi scrive ha avuto l’opportunità di recepire e registrare, ed alcuni documenti inediti o poco conosciuti che dimostrano quale sia stata la sua attenzione in proposito. Ma accanto all’impegno e ad una consapevolezza storica che per certi versi avrebbe potuto risultare spersonalizzante, Peruzzi ha sempre ritenuto di dover far vivere le sue attitudini, le peculiarità della sua sensibilità, il desiderio di dimostrare soprattutto con le opere, rivendicando una liibertà che, attraverso le opere, appunto, valesse in termini di autenticità e di coerenza. I momenti ed i moventi del suo impegno in tal senso si possono individuare in alcune scelte significative. Già nel periodo d’accademia egli figura nella triade del direttivo della “1ª Esposizione giovanile d’arte” a Roma, e, nello stesso anno 1915, tra gli ammessi alla mostra internazionale di “Secessione”. Come è noto, l’ideologia secessionista rappresentò in generale atteggiamenti libertari, di contestazione nei confronti dell’arte ufficiale e in special modo accademica. Anche dalla corrispondenza avuta con Luigi Bartolini, deducibile dalle lettere rimaste di quest’ultimo, si comprende come Peruzzi condividesse con l’amico incisore la necessità di “lanciare un manifesto ai giovani artisti marchigiani per invitarli a unirsi in un’associazione per l’incremento dell’arte nelle nostre dimenticate, apatiche province”, e soprattutto, di contrastare il manierismo e le mode correnti, impersonate al tempo dai cosiddetti “neoclassici”, contrapponendogli un’espressività sincera, non imbrigliata da consuetudini rigidamente canoniche né dal gradimento del pubblico e dunque da opportunismi di mercato. Chiaro è anche l’atteggiamento di Peruzzi nei confronti di modi e tematiche “imposti” dal regime nel ventennio fascista. Malgrado l’esperienza già notevole ed una conclamata attitudine lo mettessero in grado di eccellere in qualsiasi tipo di impegno pittorico, egli riservò anche in quel frangente la sua attenzione maggiore a cose non ufficiali, evitando a tutti i costi la retorica ed ogni genere di affiliazione. Continuò a interessarsi della realtà di tutti i giorni, quella a lui più vicina, cercando di distinguerne la dignità attraverso un senso poetico intenso che è traduzione di quella sensazione di irripetibilità che scaturisce dall’armonia delle cose e dalla vivezza del momento che passa. Una sua dichiarazione, non firmata ma indubitabilmente autografa, definisce con esemplare chiarezza il suo credo artistico in proposito; essa contiene quasi un’esortazione al rispetto di quella libertà linguistica di cui l’arte, in relazione alla diversa sensibilità degli individui e non alle mode, dovrebbe sempre godere. Se ne riporta un brano: “Non credo che la pittura e tutta l’arte in genere, sia frutto di complicati problemi, sempre alla ricerca di formule nuove. L’importante è esprimere l’eterna poesia degli uomini e della natura. Devozione al vero, al vero che si vive e che ci è possibile percepire e possedere. Ciò che si dipinge non nasce dal nulla, ma dalla vita che viviamo quotidianamente, frutto di studio, di meditazione, di coraggio e di entusiasmo. I canoni della grande pittura sono sempre attuali e validi, aderenti alla nostra vita e alla nostra sensibilità estetica. Del resto non esiste pittura antica e pittura moderna, ma solo pittura, che, naturalmente, può essere buona o cattiva. Ma è proprio necessario un nuovo linguaggio per dire qualcosa di nuovo? E perché non dovrebbe essere lecito dire del nuovo coi vecchi mezzi, credere nei valori eterni, suggestivi della natura, penetrare in essa, comprenderla, amarla e tradurla nell’opera affinché essa sia compresa, amata, apprezzata, giudicata sia dal critico onesto e imparziale che dal pubblico osservatore. Ed infine credere nella verità, nella fede d’arte, nell’arte e per l’arte”. Persino l’ideale realistico che, nel gioco delle parti di un momento in cui la sola soggettività possibile sembrava essere retaggio dell’astrazione, doveva nominalmente appartenergli fu progressivamente accantonato da Peruzzi, a beneficio di un’attenzione emozionalmente più sincera ed estemporanea della realtà. Tanto che la fase della sua ricerca più realisticamente caratterizzata, tra gli anni Venti e metà dei Trenta, finì con l’essere da lui stesso simpaticamente “bollata” come “periodo della pignoleria”. E questo andare incontro all’emozione corrispondeva certo alla sua sensibilità, ma nel contempo gli permetteva di utilizzare una delle sue fondamentali attitudini, la “grazia pittorica”. È questa una definizione suggeritami da Nino Ricci, che è profondo conoscitore, e a suo tempo amico, di Peruzzi. La grazia in un artista è una qualità particolare, che non ha niente a che vedere con la graziosità dei soggetti trattati, non misurabile a parole ma solo con le opere. Quando c’è va riconosciuta come provvidenzialità, come qualcosa che supera ogni volontà e desiderio, dimostrandosi “dono”. Le opere di Peruzzi, anche le più tarde, non hanno mai la gravità e la stanchezza della ostentazione e della routine, anche quelle dichiarate come “repliche”. La grazia del colore e della luce le riscattano ad ogni visione, dimostrandone il pathos leggero e la poesia. Si capisce, ora più che mai, perché alle noiose teorizzazioni Peruzzi preferisse sempre l’operatività. “Non ho tempo di discutere”, diceva, “devo lavorare!”; ed è vero, il tempo e le opere dimostrano più delle parole tutte le sue ragioni.

Il percorso artistico

Cesare Peruzzi nasce a Montelupone (MC) il 31 dicembre 1894, ed ivi risiede con la famiglia paterna per tutto il periodo dell’infanzia e della prima giovinezza. Salvo brevi soggiorni in città italiane, come Roma, Venezia, Milano, Genova, vivrà poi sempre a Recanati, nella campagna di Chiarino prima e, dalla fine degli anni Venti, nella casa di Viale Carducci, che lascerà centenario solo poche settimane prima della morte in ospedale. Nel 1905, a soli undici anni, già attratto dalla pittura e dall’arte, esegue, a matita, una copia della cinquecentesca tela “Madonna del latte” di Antonio da Faenza nella Collegiata di Montelupone. Alcuni anni dopo, nel 1911, ripete l’operazione dimostrando di avere già acquisito manualità e notevole dimestichezza con la pittura ed il colore. Dopo aver superato brillantemente le “Tecniche” a Macerata, frequenta l’Istituto Superiore di Belle Arti a Roma. La guerra è causa di interruzione degli studi, che tuttavia Peruzzi completa appena tornato dal fronte albanese. Tornato a Roma frequenta anche l’Accademia di Francia e, facendo tesoro degli insegnamenti di esperti maestri, si affina nel disegno “dal vero” soprattutto esercitandosi sul “nudo” sia maschile che femminile. All’inizio degli anni Venti sposa Maria Giochi e va a vivere nella villa di Chiarino al centro di una vasta tenuta. A Chiarino, in una fase della vita particolarmente felice in cui nasce la prima figlia, familiarizza con la vita contadina ed avverte l’imperiosa necessità di dipingere all’aria aperta. Realizza alcune opere significative, come: Tramonto marchigiano, Balia e bambini, La polenta, Il calzolaio nella stalla, Io e la mia bambina, Vecchie stanche, Autoritratto, Campagna marchigiana, Tre generazioni. Dal 1925 al 1935, periodo che l’artista ha ironicamente definito “della pignoleria”, pratica soprattutto l’acquerello, ottenendo risultati che, visti oggi, rivelano la sua vocazione intimista ed una sostanziale autonomia rispetto a quella che veniva considerata “arte di regime”, più che altro attenta alle celebrazioni retoriche. Il “Dizionario dei pittori italiani” della “Società editrice Dante Alighieri”, stampato nel 1928, cita Peruzzi tra gli artisti marchigiani degni di notorietà nazionale nei primi venticinque anni del secolo; insieme a lui figurano: Giovanni Pierpaoli, Cesare Marcorelli, Giuseppe Vaccai, Gabriele Galantara, Luigi Bartolucci, Francesco Vitalini, Adolfo De Carolis, Luigi Bartolini, Scipione (Gino Bonichi), Diego Pettinelli, Orlando Sora, Alessandro Gallucci, Bruno Marsili, Anselmo Bucci, Ferruccio Mengaroni, Antonello Moroni, Francesco Carnevali. Trasferitosi a Recanati, dedica oltre quarant’anni della sua vita all’insegnamento del disegno nelle scuole medie. Innumerevoli le opere che gli vengono commissionate per chiara fama, ed alcune, di notevole impegno, destinate a luoghi di culto e ad edifici pubblici in varie regioni. Dalla prima mostra “Secessione” (Roma 1915), dove suoi quadri figurano accanto a quelli di Degas, Cézanne, Renoir, Guidi, Casorati e Spadini, all’ultima antologica nell’Atrio Comunale di Recanati (giugno 1994), ha partecipato ad oltre 200 collettive in Italia e all’estero, e più di 80 sono le mostre personali nelle principali città italiane.

Lucio Del Gobbo

 

Pubblicato il

Vedova Emilio

Vedova Emilio

Nasce a Venezia nel 1919 da una famiglia di artigiani-operai, inizia a lavorare da autodidatta fin dagli anni trenta. Nel 1942 aderisce al movimento antinovecentista Corrente. Antifascista, partecipa tra il 1944 e il 1945 alla Resistenza e nel 1946, a Milano, è tra i firmatari del manifesto “Oltre Guernica”.

Nello stesso anno è tra i fondatori della Nuova Secessione Italiana poi Fronte Nuovo delle Arti.

Comincia ad esporre in mostre personali e collettive sin dagli anni quaranta, ottenendo presto fama internazionale; è del 1951 la mostra a lui dedicata alla Catherine Viviano Gallery di New York.

A partire da quella del 1948, partecipa a svariate edizioni della Biennale di Venezia, manifestazione dove nel 1952 gli viene dedicata una sala personale, nel 1960 riceve il Gran Premio per la pittura e nel 1997 il Leone d’Oro alla carriera.

Nel 1954, alla II Biennale di San Paolo, vince il premio che gli permetterà di trascorrere tre mesi in Brasile, e nel 1956 riceve il Solomon R. Guggenheim Foundation Award for Italy.

Nel 1955 è invitato a Kassel per “documenta 1”, partecipa a “II. documenta”, nel 1964 per “documenta III” presenta l’Absurdes Berliner Tagebuch ’64 e torna ancora a Kassel nel 1982 per “documenta 7”.

Per tutta la vita si dedica con passione alla attività didattica tenendo lezioni in diverse università americane e corsi alla Internationale Sommerakademie für Bildende Kunst di Salisburgo e alla Accademia di Belle Arti di Venezia.

Pubblicato il

Donzelli Bruno

BIOGRAFIA

Bruno Donzelli nasce a Napoli il 12 aprile 1941.

Giovanissimo, appena ventunenne, tiene una mostra personale alla Galleria del Fiorino a Firenze nel 1962, dopo essere stato presente nel 1960 al Premio San Fedele a Milano, al Premio Termoli e nel 1962 al Premio indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione e tenutosi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma.

Del 1963 è la personale alla Galleria Centro Arte di Genova e l’invito al Premio Spoleto, al Premio Marche ad Ancona, nonché al Premio Michetti.

Nel 1964 tiene diverse mostre personali, a Bologna alla Galleria 2000, a Napoli alla Galleria Il Centro e alla Galleria il Paladino di Palermo. Le opere realizzate dall’artista a metà degli anni sessanta risentono del clima animato dalle novità introdotte dalla Pop Art, di una densità ironica, con impianti che recuperano il senso discorsivo del fumetto. Sono queste le opere che espone nel 1965 sia nella mostra La Critica e la Giovane Pittura italiana, tenutasi alla Galleria Ferrari di Verona, sia nella rassegna Neapel ’65, organizzata a Berlino dalla Galleria Wirth.

Nel 1966 è invitato da Enrico Crispolti alla mostra 8 Pittori Napoletani organizzata alla Galleria Sebastiani di Milano, alla mostra Le Dimensioni del linguaggio figurale oggi, allestita a Napoli e alla rassegna Aspetti del ‘ritorno alle cose stesse’ curata da Renato Barilli e tenutasi negli Antichi Arsenali di Amalfi.

Nel 1967 tiene una personale alla Galleria L’Agrifoglio a Milano presentata in catalogo da Enrico Crispolti ed è invitato a Torino al Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea. Sul finire degli anni Sessanta l’attenzione di Donzelli si sposta verso la sfera del fantastico, accresciuta da una sorta di dinamismo espressionistico, tale da rendere l’impianto pittorico maggiormente ironico.

Nel 1968 allestisce una personale, alla galleria Il Girasole di Roma; è invitato a numerose rassegne tra cui il Premio Spoleto. Con le esperienze dei primi anni Settanta, l’artista pone l’attenzione alla rilettura delle immagini attinte dal repertorio delle avanguardie del nostro secolo come attestano dipinti quali, ad esempio, Nuove Piazze d’Italia del 1970, opere che espone nelle personali tenute a Firenze e Genova.

Del 1972 la presenza nella VII Rassegna dell’Arte del Mezzogiorno organizzata a Napoli a Villa Pignatelli; nello stesso anno tiene una personale alla Galleria Due Mondi di Roma, presentata da Eugenio Miccini.

Nel 1973 è invitato alla V Internazionale Kunstmesse di Berlino, alla mostra Post Fumettum natum, organizzata alla Galleria La Margherita di Roma e curata da Giorgio Di Genova, mentre del 1974 è la presenza alla Rassegna internazionale di Acireale dal titolo Ironia come Alternativa.

Nel 1977 il Palazzo dei Diamanti di Ferrara ospita una sua ampia mostra personale, curata da Roberto Sanesi: le opere di questi anni hanno come tema centrale il ‘casellario dell’arte, espressione che racchiude l’attenta analisi che Donzelli compie sugli eventi e sui protagonisti dell’arte del nostro secolo. Traccia, questa, che lo porterà nel tempo, al fortunato ciclo Ormare, iniziato tra il 1979 e il 1980 e in parte esposto nella mostra organizzata dalla Civica Galleria d’Arte Contemporanea di Ascoli Piceno nel 1981. In questa mostra l’artista espone opere quali Cronologia dell’arte del 1980 e Ormare del 1981 dalla quale si evince una nuova materia pittorica, ricca di spessori e di segni che saranno presenti nelle opere che Donzelli realizzerà nell’arco degli anni Ottanta.

Nel 1984 inizia il ciclo al quale successivamente darà il titolo di Siparietti impertinenti: a questo periodo appartengono dipinti quali ad esempio Lontano dechirichiano del 1985, Guantiera con babà e Quadro di Carrà del 1986, Tavolozza del Novecento del 1987, Morandiana (con natura morta italiana). Opere di questo ciclo sono esposte tra l’altro alle personali all’Arte Borgogna di Milano, alla Scaletta di Reggio Emilia, all’Aire du Versau di Parigi, al Gianicolo di Perugia, all’Art Diffusion di Düsseldorf, alla Galleria Muller di Neuchàtel, alla Zum Kunos Thorag di Basilea, alla Galleria Loanne di Ginevra e successivamente all’Istituto Francese di Napoli nel 1989. Un’esperienza che propone attraversamenti di brani pittorici, di un’antologia immaginativa, sulla quale l’artista interviene con ironia.

Nel 1988 è presente nella mostra Saturnus a cura di G. Lemaire all’Université de Touluse le Mirail e successivamente al Museo Pablo Gargallo di Saragozza, alla Galleria Maeght di Parigi nella mostra Les Cafés littéraires.

Dal 1989 si è dedicato anche a lavori su ceramica realizzando a Deruta, Perugia, pezzi unici e serie di multipli dipinti a mano.

Nel 1991 realizza per il Teatro dell’Orologio di Roma, le scenografie ed i costumi di Folli notti a Pietroburgo con la regia di Gianfranco Evangelista, tratto da Le notti bianche di Dostojevskij. Allestisce negli anni successivi numerose mostre personali nelle principali città europee: Parigi, Ginevra, Milano, Roma, Düsseldorf, Bologna, Firenze, Neuchàtel, Genova, Venezia, Nizza, Parma, Perugia, Verona, Colonia, Basilea, Monaco, Torino ed altre.

Nel 1997 in occasione di una personale alla Galleria Arte Borgogna di Milano viene presentata la monografia Donzelli, edizioni Mazzotta, a cura di Luciano Caprile.

Nel novembre del 1998 la Galleria Fall di Parigi allestisce una sua esauriente mostra personale che riscuote ampi consensi.

Nel 1999 realizza il Calendario Buffetti.

Dal 2000 è in corso da parte della galleria Giovanni Di Summa di Roma l’archiviazione delle sue opere per una futura pubblicazione del catalogo generale.

Nel febbraio 2000 viene inaugurata, alla presenza di oltre duemila persone, una sua grande mostra antologica alla Reggia di Caserta. L’esposizione accompagnata da un catalogo monografico edito da Charta, raccoglie oltre settanta lavori degli ultimi trent’anni, ripercorrendo con attenzione critica l’itinerario artistico di Bruno Donzelli.

Nel giugno 2002 tiene la mostra antologica al Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno, con la presentazione di una grande monografia a colori di 220 pagg.

Nel 2006 è organizzata un’ampia mostra con sue grandi opere nelle stanze storiche del Reale Belvedere San Leucio di Caserta. Mostra curata Luciano Caprile.

Il 2007 è l’anno della mostra personale al Maschio Angioino di Napoli con ampia monografia di Gillo Dorfles.

Negli ultimi anni numerose mostre personali nelle principali città del mondo.

 

 

Pubblicato il

Giuliani Edmondo

Cordoglio per la scomparsa di Edmondo Giuliani

Il sindaco Fabiano Belcecchi, certo di interpretare i sentimenti dell’intera città, ha fatto pervenire alla famiglia Giuliani i sensi di profondo cordoglio per la scomparsa del popolare “Mondo”.

dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it

“Edmondo Giuliani – ha ricordato Belcecchi – può essere a pieno titolo considerato l’ultimo pittore di strada, nel senso più nobile della parola. Un’artista che non si chiudeva dentro un atelier, ma che cercava il luogo aperto e dunque aveva un rapporto diretto con i cittadini che potevano vedere in diretta quello che lui dipingeva. Un modo antico e nostalgico di fare pittura, arricchito da quella profonda umanità che ha caratterizzato sempre la sua esistenza.

E la sua popolarità è dimostrata dal fatto che non c’è casa a Jesi in cui non sia presente un’opera di Giuliani”.
A Edmondo Giuliani, come noto, il Consiglio comunale aveva conferito nel 2000 la cittadinanza benemerita “per la grande passione con cui si è dedicato all’attività artistica, svolta con disinteresse e spontaneità, ottenendo importanti riconoscimenti a livello regionale e nazionale, che onorano il nome della sua città natale alla quale lo lega un profondo e reciproco legame di affetto”.

 

Pubblicato il

Esposito Enzo

Enzo Esposito è nato a Benevento nel 1946, vive e lavora a Milano da più di vent’anni.

Nome di punta nel panorama artistico degli anni ’80, Esposito ha partecipato a tutte le rassegne di quel periodo che puntualizzavano il passaggio dal “concettuale” alla “pittura”.

Infatti, dopo una fase di maturazione in un clima di arte concettuale e di rigore formale, è uno tra i primi artisti a intuire, alla fine degli anni ’70, il ritorno alla pittura attraverso gli “ambienti”.

Al 1977 risalgono le prime installazioni, pitture eseguite direttamente sulle pareti delle gallerie, dove l’imponenza del colore crea forti coinvolgimenti emozionali.

In quegli anni il suo lavoro viene notato da Renato Barilli che inserisce Esposito nel gruppo dei “Nuovi Nuovi”, nel versante “aniconici”, coi quali negli anni ’80 parteciperà a numerose esposizioni collettive nei più importanti musei internazionali. Il periodo successivo è segnato da un espressionismo astratto fatto di accese luminosità e campiture sempre più ampie e dilaganti. Le dimensioni quasi sempre monumentali delle sue opere servono all’artista per sottolineare il valore oggettivo della pittura come esperienza impegnativa e totalizzante, tanto per chi la crea quanto per chi la osserva. “E’ un lavoro il mio non narrativo, un dialogo con la superficie, un accadimento di pittura. Non ci sono icone. Non ci sono titoli. Dare un titolo è dare un margine e io non voglio margini.”

Pubblicato il

Carraretto Lino

Ricerca biografica e bibliografica

a cura di Roberto e Stefano Carraretto.

Lino Carraretto nasce nel 1947 a Casale Sul Sile (TV), città dove vive e lavora.

Artista autodidatta, dipinge per vocazione, seguendo un’intima necessità di espressione emotiva, grafia del profondo dei sensi. Arriva tardi alla pittura, quasi per caso, quando sente la necessità di riempire le spoglie pareti della sua nuova casa, nei primi anni 70. Da studente aveva sempre avuto una naturale dimestichezza col disegno e l’acquerello; per l’occasione torna a dipingere, stavolta all’olio.

Dapprima copiando tutto quanto accendesse il suo interesse: grandi maestri, cartoline, illustrazioni, poi, appropriatosi della tecnica pittorica, esce a dipingere en plen air per partecipare a concorsi estemporanei. I risultati furono subito incoraggianti: pieni consensi dal pubblico e dalla critica più accorta. Inizia a credere al suo lavoro e con impegno organizza la prima personale al Teatro Accademico di Castelfranco Veneto nel 1982. Risalgono allo stesso periodo le prime partecipazioni a rassegne d’arte e le vincite dei primi premi. Successivamente, con pacate meditazioni, i paesaggi inizia a “confezionarli” nello studio, abbinando con fantasia soggetti reali a quelli sognati, per ottenere una preziosa visione lievitata, evocata. Questa intuizione rappresenta per il maestro una svolta decisiva per la sua arte, che si carica così di straordinaria leggerezza.

Tutta la sua pittura verte ad attirare l’attenzione sul nostro paesaggio, così bello e così labile nel tempo, un paesaggio che non abbiamo il tempo di assaporare perche frastornati dal ritmo frenetico della vita odierna. Attraverso la memoria recupera tutto ciò che parla di poesia e che sta pian piano scomparendo: vecchie ville abbandonate, casolari, barconi. La sua immersione nella natura è totale: con atto di fede o, se si preferisce, di coraggio, Carraretto è alla ricerca di un valore non effimero de’’immagine dipinta. Con animo attento è sempre pronto a raccogliere gli umori della realtà in un rapporto diretto della vita e della verità.

Carraretto è ben lontano dalla pittura fatta di gesti o da invenzioni spettacolari per stupire ad ogni costo; la sua pittura è il risultato di una pratica ad imprimere dolcezza, sensazione del tempo, bellezza del creato, fatta con l’animo sincero, che punta direttamente al cuore. Nel 1993 l’incontro con il mercante Francesco Pasini risulta decisivo per la sua carriera artistica.

Con grande soddisfazione, l’artista vede le sue “poesie” diffondersi in tutta Europa. E dal 2004 in tutto il mondo, giacche la International Graphics Collection tedesca lo ha inserito nel catalogo delle affiches d’autore, una pubblicazione a distribuzione universale, un’importante vetrina per i maggiori talenti esistenti.

Pubblicato il

Gentili Giuseppe

Giuseppe Gentili (Pollenza, 1942 – Camerino, 16 aprile 2018) è stato uno scultore italiano.

Biografia

Frequenta gli studi artistici e consegue il Diploma di Maestro d’Arte nel 1963.

A venticinque anni espone le sue prime opere in scultura, con consenso di pubblico e di critica. Innovativo per la tecnica e per il materiale che adopera, realizza pannelli in basso rilievo, sbalzi in rame, bronzetti e numerose opere di grande dimensione: lavora con la fiamma ossidrica, mista alla fusione.

Di lui si interessano per il collezionismo: Charlie Chaplin, che acquista tre opere; Federico Fellini, il regista delle favole folli; Pablo Picasso, che accetta l’offerta di un “Don Chisciotte”, figura emblematica nella produzione dello scultore. L’artista iberico pone l’opera, alta più di due metri, nel parco della sua villa di Mongius (Nice).

Espone a Montréal (Canada), impressionando per la drammaticità esistenziale delle opere, e a Nizza, città dove, in occasione del terzo “Grand Prix de New York”, gli viene assegnata la targa “Plaquette d’or – Statue de la Libertè”.

Nel 1979, l’artista si trasferisce a Spoleto, instaurando con il Festival dei Due Mondi un proficuo lavoro dialettico, che si traduce in mostre e in celebrazioni della sua arte (Spoleto Magazine).

Eccentrico ed anticonvenzionale, gestisce il mondo creativo con atteggiamenti di vita, che plasma come pezzi visivi: contesta e irride “il rispetto dell’arte ufficiale – che egli dice – in Italia combina grossi guai”. Nascono così le tante sculture alla fiamma ossidrica, che diffonde in Italia e all’estero, entrando nelle case e nelle collezioni di molti privati.

Racconta di sé stesso: “Non voglio essere chiamato contestatore, non m’interessa accordarmi ad una qualsiasi protesta. Io vivo per la mia arte e della mia arte. E chi non sa cosa sia l’Arte non può capirmi”.

Seguono opere di impegno umano e valenza sociale: dalla ricerca indirizzata verso episodi della Bibbia (particolarmente drammatica la serie di Caino e Abele) al volto di Cristo della Sindone, carico di tragedia; dal Don Chisciotte al grido de L’uomo di Sarajevo.

Dopo avere migrato in più luoghi, risiedeva in campagna presso Camerino.

È scomparso il 16 aprile 2018 all’età di 76 anni.

Pubblicato il

Ferrari Valeria

BIOGRAFIA

Giovane artista romana, Valeria Ferrari, si forma come restauratrice di dipinti presso l’Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie di Roma, dove si appassiona alle diverse tecniche pittoriche e allo studio del colore, approdando infine ad un linguaggio personale ed eclettico.

Da cinque anni collabora con la Galleria Il Sole partecipando a diverse collettive nonché con la stessa, alla Fiera Affordable Art Fair di Milano.

Appassionata di arte, musica e poesia, inserisce nei suoi dipinti citazioni tratte dal mondo musicale e letterario per dare vita ad un racconto in cui suggestioni naif vengono rielaborate attraverso l’utilizzo del collage e della pittura acrilica. Protagonisti delle opere sono le città ideali avvolte da atmosfere oniriche che popolano la serie Happy City, i giardini incantati rallegrati dallo sbatter d’ali di variopinte farfalle nei Flights, i cuori di ogni forma e colore che fluttuano sulla tela come palloncini lasciati volare via in un momento di festa, musica e fantasia, al centro della serie Loving.

In Lightness le opere di piccolo formato rappresentano fotogrammi dell’infanzia che si alternano ad oggetti iconici del vivere quotidiano, con uno spirito che richiama la cultura pop e l’immaginario visivo degli ultimi decenni.

Si sogna così, nello sperimentare di Valeria Ferrari, respirando un’arte che diventa fantasioso gioco di rimandi.

Fabio Ortolani

 

“Non mi prendo mai troppo sul serio…

mi piace giocare e sperimentare,

i colori sono note che mischio sul pentagramma per trovare armonia e dissonanza;

tra silenzio e rumore, cerco la mia isola felice,

sempre in bilico, divertendomi.”

(Valeria Ferrari)

Pubblicato il

Cristallini Daniele

BIBLIOGRAFIA

Nato a Civitanova Marche (Macerata) nel 1956. Si è diplomato presso l’Accademia di Belle Arti di Mace­rata. Si esprime nel campo dell’informale, allievo di Remo Brindisi. Ha allestito mostre personali a Mace­rata, Sarnano, Camerino, Ussita, Tolentino, Milano, ecc. Ha partecipato a varie collettive e concorsi ad Ancona, Bergamo, Broscia , Trento, Bologna, La Spezia, Macerata, ecc., ottenendo premi e ricono­scimenti. Nel settembre 1982 ha partecipato ad As­sisi alla realizzazione di un grande murale dedicato alla «Pace nel Mondo» (su progetto di Remo Brindi­si). Hanno scritto di lui i critici: Bianchini, Brindisi, Della Cerra, Pranza e Bignardi.

L’Amministrazione Comunale di Ripe S. Ginesio, la Direziono della Pinacoteca Comunale ringraziano sentitamente l’Artista e quanti hanno collaborato alla realizzazione dell’iniziativa.

Daniele Cristallini

Scorrendo alcuni scritti volti ad illustrare la mia pittura, ho avuto la sensazione che oltre ai molti rife­rimenti usati per misurarne la qualità tecnica e cultu­rale, non fosse stato speso a suo favore neanche un pensiero veramente sentito.

Reputo quindi necessario che io, unico artefice della mia arte, intervenga per salvare dalla quotidia­na mediocrità il prodotto della mia vita, costruita su sensazioni che da sempre hanno guidato le mie scel­te, rendendole a volte incomprensibili ai più, a volte erroneamente intelleggibili.

I colori del tempo e della storia hanno acceso la mia fantasia; quegli stessi colori di cui la mia opera è impregnata in ogni sua piega, a volte stimolati fino a scomparire nel buio per potervi ricercare nuova luce.

Non c’è quiete in ciò che faccio, forse rassegna­zione di fronte all’inevitabilità delle cose e del tem­po; ma sicuramente c’è amore verso tutto ciò che esso a volte sfiora solamente trasformandolo quindi in una tenera nebbia.

Io credo che in fondo questo sia il mio vero mo­do di essere artista: un rigattiere di essenze.