Posted on

Wallas, Valerio Lombardelli

Wallas e’ un pittore esplosivo, dalle sue opere i colori del giorno e della notte, si fondono lasciando su chi le guarda un’emozione profonda. I colori lasciano l’anima nuda davanti ad un mondo nuovo, colorato e potente, mentre gatti neri curiosi ed inaspettati popolano le vie della città sorprendendo e divertendo i passanti di una galleria di muri infinita.

Mahe’ Mengarelli, poeta e scrittrice

Valerio Lombardelli, in arte Wallas, dipingendo prima di tutto pone le basi, dà fondamenta allo sguardo, mette radici e profila orizzonti, netti, forti, inequivocabili, poi da lì si propaga, si dilata, si estende cavalcando tutto lo spazio della tela, lo ingloba, lo abbraccia. Si dipartono paesaggi e linee e rami di alberi che scompongono e ricompongono la vista in una sorta di mosaico in cui si concentrano i colori della vita. La composizione prende forma come da un impeto che struttura l’immagine in tasselli, campiture di energia e cromie dinamiche. Tutto è illuminato da una gioia di vivere che non si contiene e si ramifica fino alle notti che risplendono di un chiarore intrinseco. L’artista pesarese sembra aver trovato la “dinamo stellare nel meccanismo della notte” e l’ha messa in moto. Le sue opere infatti sono uno squillo, un risveglio che spinge a percorrere le città, i paesaggi che ritrae, invita ad ascoltare il tintinnare delle foglie che suonano al vento e accogliere la carica emotiva che emerge dalle sue rigogliose creazioni visive.

Dott.ssa Diana Cardaci