Cicconi Franco

Cicconi Franco

I prezzi riportati riguardano solo le opere, tranne dove è specificato cornice compresa nella voce “informazioni aggiuntive”.

Mostra Personale di Franco Cicconi
Macerata, Pinacoteca Comunale, 7 Novembre – 17 novembre 1963

La Mostra Personale di Franco Cicconi è allestita a cura della Brigata
“Amici dell’Arte” presso la Galleria di sua appartenenza e presso il Palazzo della Pinacoteca.

Cicconi, profeta dell’arte

MACERATA – Ad un anno dalla scomparsa, rivive in tutta la sua di­mensione umana e artistica Franco Cicconi (Macerata 8.1.1929 – Urbisa­glia, 27.4.2003), gallerista estroso e il­luminato, attivo negli anni ’60-’80. Le sue mostre alla galleria d’arte Sci­pione (poi galleria Cicconi), in Via S. Maria della Porta 36, hanno segnato un’epoca. In questo prestigioso spa­zio hanno esposto i più grandi artisti da Tamburi a Brindisi, Dottori, Care­na ed altri maestri contemporanei Franco Cicconi amava il nuovo e le avanguardie e questo lo porterà a sco­prire i giovani talenti (Romano Notati, Valeriano Trubbiani, Sirio Reali). Ha partecipato alle fiere più impor­tanti, in Italia e all’estero, presentan­do le opere di artisti famosi come An­geli, Bartolini, Boetti, Buren, De Do­minicis, Tano Festa, Kounellis.,Mu­nari, Men, Ontani, Paoloni, Peschi, Tulli, Pistoletto, Pozzati, Sol Lewitt, Warhol. Tentò anche di aprire una galleria a Milano, ma senza fortuna. Tornò a Macerata e poco dopo chiu­se la galleria. La fiamma dell’arte che alimentava i suoi sogni di ragaz­zo gli resterà impressa nell’animo.

Poco prima di morire, allestisce ad Urbisaglia due mostre, una dedicata a Giorgio Bompadre, suo grande esti­matore, l’altra con le opere degli arti­sti romani Tano Festa, Mario Schifa­no, Gino De Dominis, Luigi Ontani, e tre quadri di Raoul Batocco, Anselmo e Giuseppe Scaiola. Per l’occasione scrive «Scoprire l’arte», un opuscolo che può essere; considerato il suo te­stamento artistico e spirituale. Sarà questa l’ultima, performance, una sor­ta di bagno catartico prima di scopri­re nuovi segni e colori di un altro mondoche appartiene all’eterno.

Alvaro Valentini

Visualizzazione del risultato

Visualizzazione del risultato